PRIMARIE PD: I RISULTATI A BAGNO A RIPOLI

Circolo l’Unione Ponte a Ema: 
Voti 334
Renzi 268 = 81,0%
Orlando 48 = 14,5%
Emiliano 15 = 4,5%
Bianche 2
Nulla 1

Casa del popolo di Grassina: 
Voti 751
Renzi 619 = 83,1 %
Orlando 103 = 13,8%
Emiliano 23 = 3,1%
Bianche 4
Nulle 2

Circolo SMS di Bagno a Ripoli:
Voti 901
Renzi 740 = 82,4%
Orlando 113 = 12,6%
Emiliano 45 = 5,0%
Bianche 2
Nulla 1

CRC Antella: 
Voti 624
Renzi 496 = 79,9%
Orlando 109 = 17,5%
Emiliano 16 = 2,6%
Bianche 2
Nulla 1

Totale Voti: 2610

Totale Percentuali Comune
RENZI 2123 = 81,8%
ORLANDO 378 = 14,4%
EMILIANO 132 = 3,8%

PRIMARIE PD: DOVE SI VOTA NEL COMUNE

SI VOTA DOMENICA 30 APRILE DALLE 8 ALLE 20.

DOVE SI VOTA:

  • CIRCOLO SMS DI BAGNO A RIPOLI: ISCRITTI NEI SEGGI ELETTORALI DAL N°1 AL N°10
  • CRC ANTELLA: ISCRITTI NEI SEGGI ELETTORALI DAL N°11 AL N°14
  • CIRCOLO L’UNIONE DI PONTE A EMA: ISCRITTI NEI SEGGI DAL N°15 AL N°18
  • CASA DEL POPOLO DI GRASSINA: ISCRITTI NEI SEGGI DAL N°19 AL N°25

NB: E’ possibile trovare il numero del proprio seggio sulla tessera elettorale.

  • PER TUTTI GLI STRANIERI CON PERMESSO DI SOGGIORNO VALIDO E I FUORI SEDE CORRETTAMENTE REGISTRATI SUL SITO DEL PARTITO DEMOCRATICO ENTRO LE ORE 18 DEL 27/4 E’ PREVISTO UN SEGGIO PRIVATO AL CIRCOLO SMS DI BAGNO A RIPOLI. 

 

REQUISITI PER VOTARE DOVE SI VOTA

PER QUALSIASI INFORMAZIONE VISITARE IL SITO www.primariepd2017.it  O SCRIVERE A pdbagno.ripoli@gmail.com.

 

BUON VOTO A TUTTI!

1 APRILE: POGGIATA LA PRIMA PIETRA PER LA VARIANTE

Non è uno scherzo. Stavolta si fa davvero sul serio.
“Una giornata storica”, l’ha definita il sindaco Casini, che insieme all’Assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli, al Sindaco metropolitano Dario Nardella, al Sindaco di Greve in Chianti Paolo Sottani, all’assessore ai lavori pubblici di Impruneta Dana Bartolini e ai delegati della Metrocittà a infrastrutture e viabilità Andrea Ceccarelli e Massimiliano Pescini, ha posato la prima pietra della nuova strada che da Ponte a Niccheri salirà sulla collina di Belmonte per superare Grassina e ridiscendere verso Ghiacciaia.
Investimenti di tale portata si sà, richiedono sicuramente molto tempo e molta pazienza da parte dei cittadini come affermato dal sindaco stesso, ma mai come adesso il comune di Bagno a Ripoli e la Provincia di Firenze sono vicini a “portare a termine” un’opera richiesta da quasi sessant’anni.

Francesco Casini
Francesco Casini17671273_10208950296851062_1500543862_n

 

RISULTATI CONGRESSO BAGNO A RIPOLI

Il Pd di Bagno a Ripoli ha concluso la sua settimana congressuale iniziata Giovedì 23 Marzo al circolo di Bagno a Ripoli Centro, proseguita poi dal Circolo di Grassina Lunedì 27 e di Antella il 28 e terminata al Circolo di Ponte a Ema il 30 Marzo.

Questo il quadro completo dei risultati nel comune:

Aventi diritto di voto: 275
Voti totali espressi: 168 (61,09% la percentuale votanti)
Binche: 1
Voti validi espressi: 167

Circolo Bagno a Ripoli centro: aventi diritto 73, votanti 53 (72,6%)
Circolo Grassina: aventi diritto 112, votanti 58 (51,7%)
Circolo Antella: aventi diritto 61, votanti 34 (55,7%)
Circolo Ponte a Ema: aventi diritto 29, votanti 23 (79,3%).

Mozione Renzi 122 voti (73,05%); Mozione Orlando 39 voti (23,35%); Mozione Emiliano 6 voti (3,59%).

 

TERZA CORSIA: LA NOSTRA POSIZIONE

Il PD di Bagno a Ripoli sostiene l’amministrazione comunale nell’iter e nella gestione del progetto sulla terza corsia dell’A1. Non vi è dubbio che l’impatto ambientale ha pesantemente condizionato la vita del comune di Bagno a Ripoli, e in particolare di Antella, Osteria Nuova, Ponte a Ema e San Donato, fin dall’entrata in esercizio dell’autostrada (1964) e che il nuovo progetto deve costituire l’occasione per risarcire questa ferita del nostro territorio.

Per questo, il PD intende sostenere l’Amm.ne Comunale di Bagno a Ripoli, seguendo insieme, con la massima attenzione, l’evoluzione del progetto che nelle nuove proposte introdotte con lo stralcio del lotto 2 (“variante di San Donato”) ha determinato la previsione di localizzare sul territorio comunale un consistente deposito di terre di scavo derivanti dai cantieri autostradali. La scelta di quest’ultima proposta progettuale è stata motivata da Autostrade Spa per esigenze afferenti la sicurezza della viabilità (modifica al raggio di curvatura del tracciato)e di stabilizzazione del versante.
A nostro avviso, tale scelta determina evidenti criticità in tema ambientale, paesaggistico e idrogeologico. L’attenzione (e alcune “riserve”) sulla natura e legittimità della collocazione delle terre è stata posta dall’Amministrazione comunale in sede di procedimento VIA (Valutazione Impatto Ambientale): con i pareri che sono infatti stati orientati ad avere chiarimenti e garanzie circa la natura e la provenienza dei terreni che è stato espressamente richiesto non derivino da cantieri diversi da quelli afferenti la tratta di Bagno a Ripoli e siano con certezza limitati nell’entità. Tali terreni potranno essere al massimo di classificazione B, cioè terre che, da decreto legislativo 152, sono esclusi dal regime dei rifiuti e sono riutilizzabili in quanto valutate di natura non pericolosa. A tale rigorosa attenzione si dovrà unire quella per come esse verranno o meno recintate e come esse potranno essere utilizzate in futuro, così come quella per il necessario inserimento paesaggistico e ambientale della rimodellazione morfologica.
In previsione della conferenza dei servizi che diramerà il parere definitivo sul progetto la richiesta di alleggerimento dell’impatto ambientale e paesaggistico sarà palesemente espresso.
Il PD dunque si impegna a sostenere in queste fasi conclusive tutte le azioni dell’Amministrazione comunale che dovranno essere naturalmente impegnate nella direzione espressa precedentemente, al fine di garantire il massimo beneficio possibile per il nostro territorio, cercando quindi di utilizzare il progetto della terza corsia autostradale come un’occasione di miglioramento del nostro comune.

LA MIA PARTE TOLLERANTE

bontempi

” L’Europa è nata per abbattere i muri, non per costruirne di nuovi”.

 

Queste le parole del professor Bontempi ieri a “La mia parte tollerante” in merito alla proposta, emersa in Austria, di costruire una barriera contro i migranti al Brennero, lungo il confine tra Italia e Austria. Dopo il muro ungherese questo non può accadere. Un modello di integrazione dei migranti è possibile, ma solamente se l’Europa resta unita mettendo da parte gli egoismi nazionalisti.

#lamiapartetollerante

#nowallsinEurope